Acqua minerale, ricerca rivela consumo annuale per persona. Si tratta di uno studio condotto dalla Coop sugli acquisti nella grande distribuzione. 

I cittadini italiani hanno iniziato ad acquistare meno acqua minerale ai supermercati. Questo, uno dei tanti dati che emergono da una ricercata portata avanti dalla Coop sugli acquisti degli italiani nella grande distribuzione. Lo studio ha riguardato i mesi compresi tra giugno ed agosto di quest’anno.

La riduzione delle vendite, è stata del 3,5 per cento per l’acqua gassata e del 14,3 per cento per quella naturale. Una flessione che si suppone inoltre possa diventare ancora più ampia nei promessi mesi, principalmente a causa delle possibile chiusure di molti locali che potrebbero far diminuire ancora di più le vendite. 

Leggi anche: Inps, persa una causa legale contro un pensionato: il motivo

Acqua minerale, Italia primatista mondiale per consumo

L’Italia attualmente detiene il primato mondiale del consumo di acqua minerale in bottiglia. Un segno incontrovertibile del fatto che i consumatori non riescono ancora ad avere una forte coscienza civica su quanto l’utilizzo della plastica sia dannoso e rappresenti una fonte di inquinamento da non sottovalutare.

Bisogna però anche considerare che parliamo di un bene essenziale per le persone, e non ci è dato sapere al momento, quali scelte compirebbero questi consumatori, se il vetro ad esempio costasse a un prezzo identico o inferiore alla carta. Una ricerca condotta da Beverfood afferma che nel 2018 gli italiani a consumato circa 220 litri a persona di acqua minerale, con una spesa familiare mensile stimata sui 145 euro.

Leggi anche: Coronavirus, nessuna chiusura anticipata locali nel nuovo decreto