Sono partiti i pagamenti per il mese di Agosto del Reddito di Cittadinanza. Cosa cambia per chi ha effettuato la domanda dopo il 1 di Agosto. 

È ufficialmente partito il pagamento di Agosto del Reddito di Cittadinanza. Per coloro che hanno presentato la domanda prima della data del 1 Agosto, INPS e Poste Italiane verseranno automaticamente l’accredito sulla carta. Chi invece ha presentato la richiesta dopo la data del 1 Agosto, si vedrà accreditata la somma spettante dopo il 15 Settembre.  Per poter ricevere l’Rdc è necessario aver già inviato la Dichiarazione Isee 2020. In caso contrario, l’erogazione del sussidio sarà sospesa già per il mese di Agosto. 

A partire dal mese di luglio inoltre, sono in vigore le nuove disposizioni del taglio del 20 per cento dell’importo dell’Rdc per coloro che non usfruiscono in modo completo della misura. Gli accertamenti vengono effettuati direttamente da Poste Italiane e nel caso in cui l’importo versato al contribuente non sia stato speso o risulti prelevato solo in parte, sarà applicata una decurtazione per l’accredito che riguarda il mese di Settembre. 

Esiste inoltre una novità che riguarda circa il 30 per cento di coloro che stanno attualmente percependo il sussidio. A partire dal mese prossimo infatti, molti di loro vedranno scadere il 18esimo mese, termine entro il quale decade il sussidio.

Il Ministero del Lavoro ha però già chiarito che chi non ha trovato una nuova occupazione in questo arco temporale potrà presentare una nuova domanda. Si attende comunque in questi giorni una circolare INPS che fornisca i dovuti chiarimenti sul rinnovo e sul periodo di tempo di attesa per poter di nuovo ricevere il sussidio.

Leggi anche: Reddito di Cittadinanza: può essere rinnovato al termine dei 18 mesi?