È possibile rinnovare il Reddito di Cittadinanza alla scadenza del termine di 18 mesi se il percettore non ha ancora trovato un lavoro?

Il Ministero del Lavoro si è espresso riguardo la possibilità di poter presentare una nuova domanda per accedere al Reddito di Cittadinanza, nel caso non si sia trovata una nuova occupazione. 

Milioni di italiani che fino a questo momento hanno usufruito del Reddito di Cittadinanza si chiedono adesso cosa accadrà a settembre. Per molti di loro infatti, questo è il diciottesimo mese, termine entro cui scade l’erogazione del sussidio. Il problema è che la maggior parte di queste persone, complice questa nuova crisi economica scatenata dal coronavirus, non sono ancora riuscite a trovare una nuova occupazione.

E si chiedono adesso se sia possibile presentare nuovamente domanda.

Il problema è che gli enti e i numeri dedicati a risolvere questo tipo di dubbi da parte dei cittadini, sembrano essersi rivelati inadeguati al loro compito.

Tantissime persone in Italia segnalano infatti che i numeri dedicati ad avere maggiori informazioni sull’RdC non riescono a fornire risposte soddisfacenti alle domande poste dagli utenti. Anche perché spesso chi chiama si ritrova ad interloquire con delle voci pre-registrate e parlare con un operatore richiede a volte un tempo molto lungo di attesa.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza: aumenta importo medio per le famiglie

RdC: nuova domanda al termine dei 18 mesi? La risposta del Ministero

Discorso simile nel momento in cui il cittadino decide di rivolgersi all’Inps.

Anche qui i cittadini lamentano un’incapacità da parte dell’Ente di Previdenza di rispondere con chiarezza ai dubbi che vengono posti sulla misura. Stesso discorso per Poste Italiane, coinvolta nell’RdC in quanto gli accrediti del sussidio vengono erogati attraverso la PostePay di proprietà del gruppo.

Alla fine a risolvere questo dilemma, ci ha pensato il sito Affaritaliani.it, che è riuscito ad entrare in contatto con il Ministero per il Lavoro e ottenere numerosi chiarimenti sul funzionamento del Reddito di Cittadinanza. 

E per quanto riguarda la possibilità di presentare una nuova domanda nel caso non si sia ancora trovata una nuova occupazione, il Ministero ha risposto positivamente. Fino a quando il fruitore non troverà un nuovo lavoro, avrà sempre la possibilità di presentare richiesta per accedere al sussidio. 

Qui di seguito la risposta integrale del Ministero per il Lavoro:

“A conclusione del 18esimo mese di percezione del Rdc un beneficiario, se ricorrono ancora le condizioni di bisogno, può richiedere un rinnovo della misura decorso un mese dall’ultimo versamento. Quest’ulteriore ciclo di Rdc durerà sempre fino a quando il beneficiario non troverà un lavoro che gli permetterà di uscire dalla sua situazione di povertà, fermo restando il limite dei 18 mesi”.

Leggi anche: Superbonus 110 per cento: quali sono le spese detraibili