Tassi dei mutui in forte calo

Mutui, sospendere i pagamenti è una trappola: ecco cosa fare. In questo momento si consiglia di rinegoziare o surrogare il proprio accordo finanziario

In questo momento di estrema emergenza sanitaria per la diffusione del coronavirus la nostra economia sta rischiando il collasso. Negozi chiusi, imprese ridotte ai minimi termini e l’aiuto dello Stato che rischia di non essere sufficiente. In questo scenario anche il mondo dei mutui finanziari ha subito una grandissima contrazione. Se 12 mesi fa il tasso più concorrenziale sul mercato era di 1,95%, oggi il Taeg si trova addirittura a 0,77%. Una diminuzione di oltre la metà del valore che consente di risparmiare grosse cifre, per far fronte ad una crisi senza predenti. Secondo alcuni analisti economici ci troviamo di fronte ad una recessione che sarà superiore a quella dell’11 settembre e rischia di avvicinarsi sempre più all’impatto che ebbe la Seconda Guerra Mondiale. L’aspetto maggiormente delicato è rappresentato dall’indefinitezza dei tempi, che rende impossibile fare previsione. Una cosa che manda letteralmente fuori fase i mercati. Per quanto riguarda i mutui, questo è un aspetto positivo perchè volendo fare un esempio, chi aveva preso un prestito di 100mila euro con scadenza a 25 anni risparmierà circa 60 euro al mese per un totale di quasi 20mila euro sull’intero periodo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, nel prossimo decreto proroga per revisioni e assicurazioni

Mutui, sospendere i pagamenti è una trappola: ecco cosa fare

Con questo crollo dei tassi il mercato delle surroghe torna a crescere rapidamente. Al momento attuale sospendere i pagamenti delle rate del mutuo potrebbe rappresentare una trappola. Secondo le disposizioni del decreto “Cura-Italia” è possibile fermarsi nell’elargire la propria quota mensile vista l’emergenza Covid-19. Lo stop può essere prolungato fino a 18 mesi. Benchè possa sembrare un’ottima soluzione occorre tenere ben presente una cosa. Una scelta del genere, infatti, potrebbe toglierci la possibilità di surrogare il mutuo, non solo in questo momento ma anche in futuro.

Tassi dei mutui in forte calo

Umberto Stivala, esperto di mutui del sito Facile.it racconta: “Prima di congelare il mutuo è opportuno valutare con attenzione e scegliere questa opzione solo se veramente necessaria”.

Questo perchè decidendo di sospendere il mutuo si sposterebbe solo in avanti il problema dato che una volta passata la crisi, il finanziamento ripartirebbe da dove ci si era fermati. In più, e qui viene la parte veramente sconveniente, si dovrebbe comunque pagare alla banca la metà degli interessi maturati sulle rate non versate.

Tra le alternative consigliate c’è l’allungamento del piano di ammortamento, questo per usufruire di tassi sicuramente più vantaggiosi del momento di stipula del contratto. Questo crollo verticale dei tassi, secondo le previsioni, dovrebbe durare ancora a lungo e potrebbe rimanere invariato anche dopo la fine dell’emergenza.