Info sui prodotti più richiesti ( amuchina )

Amuchina e Mascherine: Ecco cosa è bene sapere in tempo di Coronavirus. Stanno diventando tra le cose più ricercate in italia in questo momento di grande emergenza

Info sui prodotti più richiesti ( amuchina )

In questo periodo di estrema emergenza legata alla diffusione del coronavirus ci siamo ritrovati a dover fare i conti con misure restrittive a cui non eravamo abituati. Non solo la quarantena e l’isolamento forzato per evitare facili contagi ma anche un veloce ripasso delle norme di buona igiene quotidiana che avrebbero dovuto accompagnarci da sempre. Il lavarsi le mani con molta attenzione o il disinfettare accuratamente ogni oggetto. La distanza di almeno un metro con l’altro e il non poter stare contemporaneamente in luoghi affollati, l’utilizzo della mascherina, dei guanti e dell’Amuchina. Una serie di accortezze che hanno stravolto la nostra vita, per il nostro bene e per quello degli altri.

Un paese in ginocchio dal punto di vista economico che deve rispettare le regole, come forse mai fatto prima, per uscire dalla crisi e ripartire verso la normalità.

Proprio in tema di emergenza, i prodotti come le mascherine e i disinfettanti sono diventati delle vere gemme introvabili, subendo dei rincari assurdi e scatenando l’isteria generale. Molte fake news hanno creato ancor più allarmismo, incrementando le difficoltà delle persone nel comprendere come comportarsi. I due articoli in questione hanno creato delle vere e proprie ripicche tra stati, pronti a difendere il proprio interesse anche di fronte alle vite altrui.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, bollettino medico 18 marzo dell’Istituto Spallanzani di Roma

Amuchina e Mascherine: Ecco cosa è bene sapere in tempo di Coronavirus

Amuchina e Mascherine: Ecco cosa è bene sapere in tempo di Coronavirus


Maschere anti Covid-19 vendute a circa 40 euro l’una su Amazon.
Dei veri e propri furti celati dietro la classica scritta “Ideali per coronavirus“. Sullo stesso livello anche l’Amuchina con la gente pronta a fare scorte pazzesche, esaurendo le risorse nei supermercati e nelle farmacie e costringendo la Angelini ad ampliare la propria produzione in fabbrica. Alla fine grazie alle indicazioni dell’OMS e del nostro Sistema Sanitario Nazionale si è capito che anche l’alcol puro può avere lo stesso effetto per disinfettare mani e superfici, evitando di spendere anche 30 euro per un flaconcino.

La vicenda delle mascherine ha avuto un risvolto addirittura nella geopolitica internazionale. Al di là del prezzo di acquisto e delle difficoltà di poterle prendere anche online, ad un certo punto sono diventate praticamente introvabili. Un problema colossale non solo per le persone a casa ma soprattutto per quegli operatori sanitari che non possono contare sulle misure preventive obbligatorie. La gara di solidarietà da parte degli altri paesi non ha una lista così lunga. Eccezion fatta della Cina, pronta ad inviare insieme alla sua equipe di esperti anche milioni di pezzi a sostegno della popolazione italiana, gli altri paesi europei hanno deciso di pensare a se stessi.

Le mascherine sono diventate un caso geopolitico

Carichi di maschere comprate da aziende italiane in Cina, che non sono mai arrivate perchè bloccate negli scali aeroportuali di Parigi o Francoforte. Praticamente quasi la totalità di quelle che ora stanno tornando nei nostri confini nazionali, non sono gentile concessione dell’UE ma la restituzione di quanto dovuto.

In tutto questo va sempre bene ricordare che rispettando le regole imposte dai decreti governativi, tutto questo potrà finire il più presto possibile, anche con tutte le problematiche e le ripercussioni di dover far fronte a delle carenze strutturali. Arriverà un momento in cui mascherine e Amuchina saranno un lontano ricordo, ma per ora massima attenzione.